PERCHÉ È TANTO COMPLICATO ACCEDERE ALLE INFORMAZIONI SECRETATE DI PALAZZO SAN MANCUTO?

 

NEI  GIORNI SCORSI, ABBIAMO RICORDATO LA MORTE DI ALPI E HROVATIN, IL TRAFFICO DEI RIFIUTI, LE NAVI DEI VELENI AFFONDATE NEL MEDITERRANEO. ABBIAMO  PLAUDITO ALLA DECISIONE DI PROCEDERE ALLA DESECRETAZIONE DI QUEI DOCUMENTI, MA CHI SA DIRE QUANTI DOCUMENTI SIANO RIMASTI E QUANTI SIANO STATI PREMUROSAMENTE “ARCHIVIATI” DAI SERVIZI ALTRUI?  PER COMPRENDERE QUANTO MALATO SIA QUESTO STATO, RICORDIAMO ALTRI GRANDI ITALIANI VITTIME DI QUESTO REGIME: ENRICO MATTEI, CON MAURO DE MAURO, PASOLINI, FALCONE, BORSELLINO E, PER IL GRANDE STATISTA ALDO MORO, ECCO UN’ALTRA EFFERATEZZA:

“L’uccisione di Moro è avvenuta per mano delle Brigate Rosse, ma anche e soprattutto per il volere di Giulio Andreotti, Francesco Cossiga e del sottosegretario Nicola Lettieri”. Ferdinando Imposimato, al tempo giudice istruttore della vicenda del sequestro e dell’uccisione di Moro, intervenne così sul Caso Moro da Reggio Calabria:

“Se non mi fossero stati nascosti alcuni documenti – ha aggiunto – li avrei incriminati per concorso in associazione per il fatto. I servizi segreti avevano scoperto dove le Br lo nascondevano, così come i carabinieri. Il generale Dalla Chiesa avrebbe voluto intervenire con i suoi uomini e la Polizia per liberarlo in tutta sicurezza, ma due giorni prima dell’uccisione ricevettero l’ordine di abbandonare il luogo attiguo a quello della prigionia”.

“Quei politici – ha detto Imposimato – sono responsabili anche delle stragi: da Piazza Fontana a quelle di Via D’Amelio.
Lo specchietto per le allodole si chiama Gladio. A Falcone e Borsellino rimprovero soltanto di non aver detto quanto sapevano, perché avevano capito e intuito tutto, tacendo per rispetto delle istituzioni. Per ucciderli Cosa Nostra ha eseguito il volere della Falange Armata, una frangia dei servizi segreti”.

La strage di via Fani, dove il 16 marzo 1978 fu rapito Aldo Moro : un colonnello e due agenti Sismi su moto per agevolare l’azione delle BR.

Gli ingredienti di un giallo ci sono tutti: la confessione post mortem, l’indagine di un poliziotto, la distruzione delle prove e la magistratura – quella romana – che comunque indaga: fine. Ma non è così se si parla del caso Moro. “Tutto è partito da una lettera anonima scritta dall’uomo che era sul sellino posteriore dell’Honda in via Fani. Diede riscontri per arrivare all’altro, quello che guidava la moto”. Enrico Rossi, ispettore di Ps in pensione, racconta all’ANSA la sua inchiesta passeggiando sulle colline di Torino, a due passi da Superga. Spiega con puntiglio e gentilezza sabauda che, secondo colui che inviò la lettera anonima – che si qualificava come uno dei due sulla moto – gli agenti avevano il compito di “proteggere le Br da disturbi di qualsiasi genere. Dipendevano dal colonnello del Sismi Camillo Guglielmi che era in via Fani la mattina del 16 marzo 1978”.

La lettera che ha aperto l’inchiesta – Tutta l’inchiesta è nata da una lettera anonima inviata a un quotidiano nell’ottobre 2009. Eccola: “Quando riceverete questa lettera, saranno trascorsi almeno sei mesi dalla mia morte come da mie disposizioni. Ho passato la vita nel rimorso di quanto ho fatto e di quanto non ho fatto e cioè raccontare la verità su certi fatti. Ora è tardi,il cancro mi sta divorando e non voglio che mio figlio sappia. La mattina del 16 marzo ero su di una moto e operavo alle dipendenze del colonnello Guglielmi, con me alla guida della moto un altro uomo proveniente come me da Torino; il nostro compito era quello di proteggere le Br nella loro azione da disturbi di qualsiasi genere. Io non credo che voi giornalisti non sappiate come veramente andarono le cose ma nel caso fosse così, provate a parlare con chi guidava la moto, è possibile che voglia farlo, da allora non ci siamo più parlati, anche se ho avuto modo di incontralo ultimamente…”. L’anonimo forniva elementi per rintracciare il guidatore della Honda: il nome di una donna e di un negozio di Torino. “Tanto io posso dire, sta a voi decidere se saperne di più”. Il quotidiano all’epoca passò alla questura la lettera per i dovuti riscontri. A Rossi, che ha sempre lavorato nell’antiterrorismo, la lettera arriva sul tavolo nel febbraio 2011 in modo casuale. Non è protocollata e non sono stati fatti accertamenti, ma ci vuole poco a identificare il presunto guidatore della Honda di via Fani che secondo un testimone ritenuto molto credibile era a volto scoperto e aveva tratti del viso che ricordavano Eduardo De Filippo.

 

aldo_moro_rapimentoMoroUnknownandreotti cossigabrigate400_za

Riscontri negati – “Non so bene perché ma questa inchiesta trova subito ostacoli. Chiedo di fare riscontri ma non sono accontentato. L’uomo su cui indago ha, regolarmente registrate, due pistole. Una è molto particolare: una Drulov cecoslovacca; pistola da specialisti a canna molto lunga, di precisione. Assomiglia ad una mitraglietta”. “Per non lasciare cadere tutto nel solito nulla predispongo un controllo amministrativo nell’abitazione. L’uomo si è separato legalmente. Parlo con lui al telefono e mi indica dove è la prima pistola, una Beretta, ma nulla mi dice della seconda. Allora l’accertamento amministrativo diventa perquisizione e in cantina, in un armadio, ricordo, trovammo la pistola Drulov poggiata accanto o sopra una copia dell’edizione straordinaria cellofanata de La Repubblica del 16 marzo”. Il titolo era: “Aldo Moro rapito dalle Brigate Rosse”. “Nel frattempo – continua Rossi – erano arrivati i carabinieri non si sa bene chiamati da chi. Consegno le due pistole e gli oggetti sequestrati alla Digos di Cuneo. Chiedo subito di interrogare l’uomo che all’epoca vive in Toscana. Autorizzazione negata. Chiedo di periziare le due pistole. Negato. Ho qualche ‘incomprensione’ nel mio ufficio. La situazione si ‘congela’ e non si fa nessun altro passo, che io sappia”. “Capisco che è meglio che me ne vada e nell’agosto del 2012 vado in pensione a 56 anni”.

Il fascicolo è a Roma – Tempo dopo, una ‘voce amica’ di cui mi fido – dice l’ex poliziotto – m’informa che l’uomo su cui indagavo è morto dopo l’estate del 2012 e che le due armi sono state distrutte senza effettuare le perizie balistiche che avevo consigliato di fare. Ho aspettato mesi. I fatti sono più importanti delle persone e per questo decido di raccontare l’inchiesta ‘incompiuta'”. Rossi ricorda, sequestrò una foto, che quell’uomo aveva un viso allungato, simile a quello di De Filippo: “Sì, gli assomigliava”. Fin qui l’ex ispettore, che rimarca di parlare senza alcun risentimento personale ma solo perché “quella è stata un’occasione persa. E bisogna parlare per rispetto dei morti”. Il signore su cui indagava Rossi è effettivamente morto – ha accertato l’ANSA – nel settembre del 2012 in Toscana. Le pistole sembrerebbero essere state effettivamente distrutte, ma il fascicolo che contiene tutta la storia dei due presunti passeggeri della Honda è stato trasferito da Torino a Roma dove è tuttora aperta un’inchiesta della magistratura sul caso Moro. 23 marzo 2014.

INFINE, SE VOLETE CANCELLARE DALLA MENTE QUALUNQUE SENTIMENTO DEMOCRATICO SUPERSTITE, GUARDATE A CHI SONO STATI I RESPONSABILI DEI COSIDDETTI SERVIZI NEGLI ANNI E, PER FINIRE, ANDATE A LEGGERE IN “PROFONDO NERO” DI GIUSEPPE LO BIANCO E SANDRA RIZZA, COME FU ASSASSINATO UN ALTRO GRANDE ITALIANO: ENRICO MATTEI, CON IL COMANDANTE BERTUZZI, SUO PILOTA ED EROE DEI CIELI D’ITALIA.

 Unknown-11565915-enrico_menrico-mattei02.jpgdemauro01gmedium-110326-165515-to030709sto-0032-jpg_153513pasolini

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: