GARANTE DELLA COSTITUZIONE E PROCEDURA PER LA MESSA IN STATO D’ACCUSA

Parliamo di Garante della Costituzione e dei c.d. delitti presidenziali, anche se, giocoforza, per esigenza sistemica, dovremmo trattare insieme i reati ministeriali (artt. 96 Cost. e 15, 2° c. L. cost.le 11 marzo 1953, n. 1). Vi accenniamo brevemente. Sono reati commessi dal ministro in quanto tale, dove la qualità di ministro rappresenta un elemento costituivo o modificativo agli effetti della punibilità. Fra i più tipici, la corruzione e la concussione (317, 318, 319 c.p.), commessi con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti la funzione. Capirete che viene a rilevanza il fine difforme rispetto al quale i poteri sono attribuiti o il modo difforme da quanto previsto nella legge attributiva.

Qui, ci preme rilevare che queste figure di reato identificano la violazione del precetto che impone a queste figure istituzionali di essere fedeli alla Repubblica, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere alle funzioni con disciplina ed onore (art. 54 Cost.).

Per saperne di più, unisciti a noi giovedì 20 febbraio alle 21.00, a Dolo, via Mazzini 18, Saletta del Bar Antica Barina.Immagine

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: